Bruno Barbieri » Blog Archive » Icnusa

23 agosto 2016

Non c’è due senza tre… Questo detto devo averlo preso proprio sul serio perché anche quest’estate ho trascorso qualche giorno di vacanza nella bellissima Sardegna, visitando qualche meta già conosciuta ma sempre valida e qualche meta nuova. Per andare sul sicuro ho alloggiato al Palau Hotel, non si sbaglia mai!  Conferme su tutti i fronti: l’ottima cucina per grandi cene e colazioni sontuose, l’ospitalità e l’accoglienza del personale e la struttura sempre in rinnovamento, per non parlare della posizione da urlo… Palau è un ottimo compromesso per visitare comodamente tante spiagge e coste della Sardegna nord orientale, impiegando non più di una mezz’oretta di auto per una visita in costa Smeralda, con l’immancabile ed esclusiva spiaggia de La Celvia, o la lunghissima e attrezzata Liscia Ruja, sono esperienze che vanno sempre ripetute. Venendo alle novità quest’anno mi sono dedicata in particolare alle escursioni in mare, noleggiando un gommone nei numerosissimi porti o attracchi delle varie località è infatti possibile raggiungere isole e spiagge incontaminate altrimenti non visitabili, come le caraibiche Isole di Mortorio e Le Camere.

Dal porto di Palau poi è possibile visitare l’incredibile arcipelago della Maddalena; l’anno scorso ho scelto la comodità dell’escursione in barca a vela organizzata dal Palau Hotel per trascorrere una giornata in paradiso (il mare  cristallino di Budelli, Razzoli, Santa Maria e Spargi, il pranzo a bordo nella pace più assoluta, lo skipper sempre disponibile a sbarcare gli ospiti nelle calette più belle con il tender in dotazione!). Quest’anno invece ho optato per una gita più solitaria a bordo di un gommone con il quale nell’arco di una giornata ho potuto scoprire l’isola di Caprera e le sue numerose e stupende spiagge; un passaggio veloce a largo della spiaggia del Relitto, un bagno alla spiaggia I due Mari, un pranzetto a Cala Brigantina e infine una visita nelle famose Cale di Coticcio e Tahiti per descrivere le quali non credo che esistano molte parole, i fondali di queste due spiagge raggiungono dei colori di un’incredibile bellezza che solo di persona possono essere colti veramente.

Un’altra luogo che merita di essere visitato è l’incontaminata spiaggia di Capo Testa, Cala Spinosa, spinosa di nome e di fatto perché raggiungerla è alquanto faticoso, sono assolutamente consigliate le scarpe da tennis per calarsi nella breve ma intensa discesa al mare, bisogna prestare molta attenzione e con un po’ di spirito di avventura si può affrontare il percorso tra le rocce sabbiose. L’obiettivo ripagherà ogni sforzo, anche qui infatti troverete uno stupendo mare turchese e una sabbia finissima avvolti nella natura sovrastata dal faro di Capo Testa e un’incredibile tranquillità, merito senza dubbio del luogo remoto.

Infine posso dire di aver immerso i piedi nelle acque di una delle spiagge considerate tra le più belle della penisola: La Pelosa a Stintino, dove i colori del mare si sfumano dal cristallino al turchese fino al blu profondo che si confonde con il cielo, a sinistra l’imponente torre fortificata seicentesca sembra sorgere dalle acque e di fronte lo sguardo si perde verso l’Isola Piana e l’isola dell’Asinara con il suo Parco Naturale.

Da ultimo ma non meno importante è stata la visita a San Pantaleo, un bellissimo borgo abbarbicato sui monti che si ergono sopra la Costa Smeralda, dalle cui spiagge dista circa un quarto d’ora. Il Paese è davvero incantevole con le numerose botteghe artigianali e la sua piazzetta incorniciata dalle montagne e dagli alberi di oleandro che dall’orario dell’aperitivo si riempie di persone, turisti stranieri insieme ai paesani, tutti impegnati a sorseggiare un buon bicchiere di vermentino in attesa della sera quando il sole lascia il posto alle candele e alle lanterne che fanno da scenografia al famoso mercatino degli artigiani e degli artisti.

Il nostro mare e le nostre terre ci regalano posti meravigliosi e tante volte percorriamo migliaia di chilometri dimenticandoci che la bellezza è proprio qui!

Post e foto di Caterina Cerri

Commenti chiusi.

Ricette
Archivio
marzo: 2017
L M M G V S D
« dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031